Corso di Counseling Gestaltico Integrato

Corso triennale per l'ottenimento del Diploma di Counselor Professionista ( 950 ore)

 

Cos'è il Counseling

Il Counseling è una "relazione d'aiuto", professione disciplinata dalla Legge n°4 del 14 gennaio 2013; secondo la definizione del C.N.C.P (Coordinamento Nazionale Counselors Professionisti).

Consiste nell'applicazione da parte del professionista di un insieme di tecniche, abilità e competenze tese a facilitare il Cliente nell'uso delle sue risorse personali, affinché questi possa trovare la soluzione per un problema che crea disagio esistenziale e per migliorare complessivamente la qualità della sua vita.

Lo scopo del Counseling è quello di offrire al Cliente l'opportunità di esplorare e riconoscere i propri schemi d'azione e di pensiero e aumentare il livello di consapevolezza, così da saper utilizzare al meglio le proprie risorse personali per gestirsi in modo efficace e raggiungere un maggiore benessere.

 

Gli Ambiti di Intervento

Il Counselor opera nel campo della prevenzione della malattia e in quello della promozione della salute, così come intesa e definita dalla Carta di Ottawa nel 1986. Il Counselor possiede competenze specifiche per la promozione del benessere dell'individuo e non esercita attività sanitarie.

Il Counseling può essere un supporto in molti settori di intervento: dall'ambito scolastico a quello aziendale, dal campo medico sanitario a quello sessuale, dal settore dell'orientamento a quello della devianza e delle situazioni di emergenza.

 

Cosa fa il counselor

Tradurre il termine counseling è difficile poiché il suo significato si pone in uno spazio intermedio tra due concetti correlati ma distinti: la consulenza e la relazione di aiuto.

Il counseling è, in effetti, una consulenza all'interno di una relazione di aiuto. La consulenza è un intervento nel quale vengono messe in gioco le competenze specifiche di un professionista. Una relazione di aiuto è un processo nel quale un soggetto, attraverso l'offerta di tempo, attenzione e rispetto, col sostegno di specifiche metodologie, aiuta la persona in difficoltà a ritrovare risorse e modi per condurre in modo produttivo la sua esistenza.

Il counselor può possedere due distinti livelli di competenze: uno specifico, relativo ad un determinato settore (medico, scolastico, di orientamento, sanitario, sociologico, aziendale, eccetera) e l'altro, generico ma fondamentale, che attiene al modo di entrare in relazione ed essere di aiuto a persone che sperimentano un disagio. Il secondo livello di competenza è quello più complesso da acquisire e viene strutturato nel corso della formazione per essere calato nello specifico ambito applicativo.

L'applicazione di interventi di counseling potenzia enormemente gli standard qualitativi di determinate professioni, soprattutto quelle a maggior rischio di burn out. In ambito sanitario, ad esempio, l'acquisizione da parte del medico di una postura relazionale e comunicativa adeguata, che integra la conoscenza scientifica con il rapporto umano, favorisce l'instaurarsi di una solida alleanza operativa e terapeutica con il paziente e i familiari, consentendo una migliore collaborazione e riducendo le possibili conflittualità.

"Non possiamo indurre deliberatamente il cambiamento, né in noi stessi, né negli altri. Questo è un punto decisivo: sono molti quelli che dedicano la propria esistenza a realizzare una loro concezione di come 'dovrebbero' essere, invece di realizzare se stessi". Fritz Pearls